Gerardo Marotta sale sulla Mehari

“In viaggio con la Mehari” continua. L’auto di Giancarlo Siani si è mossa dal Pan ed è giunta a palazzo Serra di Cassano sede dell’Istituto per gli Studi Filosofici.

Qui l’avvocato Gerardo Marotta, il fondatore dell’Istituto è salito sulla Mehari. Un omaggio alla memoria e al lavoro del giovane cronista partenopeo trucidato il 23 settembre del 1985 dai killer della camorra.

É stato Nino Daniele, assessore alla Cultura del Comune di Napoli a sottolineare “E’ un ponte ideale tra il sacrificio di Giancarlo Siani e il lavoro rigoroso, il sapere critico, la tradizione culturale napoletana che rappresenta l’Istituto per gli Studi Filosofici fondato e alimentato dall’instancabile Gerardo Marotta, Medaglia d’oro per i benemeriti della cultura ed il Diploma d’onore del Parlamento Europeo per l’opera svolta in favore della cultura europea”.

Il 30 settembre come da calendario nell’ambito de “In viaggio con la Mehari” è stato presentato il DEM il dizionario enciclopedico contro le Mafie edito da Castelvecchi.

Come ha sintetizzato il giornalista de Il “Mattino” Antonio Manzo – che moderava il dibattito – è un’opera importante e di profonda conoscenza composta da 4700 lemmi, 170 nomi e curata da 70 tra giornalisti, sociologi, esperti e scrittori.

Nel corso dell’incontro è emerso come il lavoro di denuncia e contrasto all’avanzata delle mafie vecchie e nuove passa necessariamente attraverso un lavoro culturale. Il cumulo delle memorie, la tracciabilità delle storie, la sistematizzazione degli argomenti, portano ad una conoscenza profonda per la sua divulgazione e soprattutto per gli addetti ai lavori.

Alla stesura dell’opera ha lavorato con grande impegno la giornalista Amalia De Simone, direttrice di Radio Siani e impegnata con videoinchieste per il “Corriere della Sera”.

Emerge una impetuosa e concreta lettura della realtà che s’incrocia con la memoria dei fatti e diventa riferimento preciso sullo studio delle mafie. Per la prima volta – ha spiegato il docente Isaia Sales – si è tentato un lavoro di lettura dei fenomeni criminali che tende all’unicità generalizzata contrastando invece un approccio di unicità legato al singolo fenomeno: mafia, camorra, n’drangheta, sacra corona unita.

Anche Rosaria Capacchione, cronista sotto scorta de “Il Mattino” e attualmente senatrice della Repubblica ha evidenziato come la politica non conosca nulla della realtà, di ciò che accade insomma il legislatore ha una pessima conoscenza dei fenomeni criminali. Insomma un testo come il DEM diventa essenziale per chi vuole cominciare a capire dinamiche e lettura delle mafie.

Servizio

Radio Siani speciale “Dem”  I° Parte 

Radio Siani speciale “Dem” II° Parte 

 

Condividi