Méhari esposta a Bruxelles 03.12.2013 – 05.12.2013

mehari_bruxellesDa oggi 3 dicembre a venerdì 5 dicembre il progetto di sensibilizzazione sui temi delle vittime innocenti della criminalità e della libertà di stampa “In viaggio con la Mehari” – promosso dalla Fondazione Polis per le vittime innocenti della criminalità e i beni confiscati, da Libera, dal Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità e da “Ossigeno per l’informazione”, l’osservatorio sui cronisti minacciati della Federazione nazionale della stampa e dell’Ordine dei Giornalisti, con il sostegno di Regione Campania e Comune di Napoli – fa tappa a Bruxelles, al Parlamento Europeo.

L’auto di Giancarlo Siani, il cronista ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985, è infatti esposta in Piazza Esplanade Solidarnosc 1980 (foto dell’installazione) e costituisce parte integrante di una mostra artistica dedicata ai temi del progetto, curata dall’architetto Antonella Palmieri.

Domani, mercoledì 4 dicembre, alle ore 17, nei pressi della mostra si svolgerà un incontro di presentazione del progetto “In viaggio con la Mehari” con, tra gli altri, il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, l’Ambasciatore italiano in Belgio Alfredo Bastianelli e il Deputato Europeo Andrea Cozzolino, che ha curato l’organizzazione della tre giorni.

Saranno presenti inoltre l’Esperto Trasversale in Sicurezza e Legalità della Regione Campania Maurizio Scoppa, il presidente della Fondazione Polis Paolo Siani, il referente di Libera in Campania Geppino Fiorenza, il presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità Alfredo Avella, Matteo Finco e Alberto del Bianco di “Ossigeno” e Franco La Torre, presidente di Flare – Freedom Legality and Rights in Europe, la rete che raccoglie circa 40 organizzazioni impegnate nel contrasto al crimine organizzato. L’iniziativa sarà allietata da una performance musicale di Antonio Onorato.

Giovedì 5 dicembre alle ore 19 presso l’Istituto Italiano di Cultura, diretto da Federiga Bindi, si svolgerà il dibattito “Facciamo un pacco alla camorra”, con presentazione dei “pacchi alla camorra” e dei cesti de “Il Natale di Libera”, cadeau realizzati con i prodotti provenienti dai terreni confiscati alle mafie, che saranno successivamente degustati. La loro preparazione sarà curata dal Ristorante “Da Claudio”, Chaussée de Waterloo. A seguire, proiezione del film di Marco Risi “Fortapàsc”, dedicato alla storia di Giancarlo Siani.

La Mehari di Giancarlo Siani è simbolo di memoria, riscatto ed impegno. Porta con sé e racconta le storie di tutte le vittime innocenti della criminalità, dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo e all’estero in scenari di guerra e di quelli che ancora oggi sono minacciati.

Condividi